Scopa elettrica: meglio con sacchetto o senza?

La scopa elettrica prosegue la sua marcia all’interno delle nostre case. Quali sono i fattori che le hanno permesso di riscuotere un gradimento sempre più notevole da parte dei consumatori?
Il primo è sicuramente la notevole comodità, sotto forma di una leggerezza sconosciuta al classico aspirapolvere da traino e che si traduce in uno sforzo minore per l’utente. Leggerezza che se un tempo poteva comportare svantaggi in termini di potenza, oggi si rivela ancora più decisiva ove mixata alla forza dei nuovi dispositivi varati da Dyson, l’azienda statunitense già nota al grande pubblico per il lancio dell’aspirapolvere ciclonico.
Quando si decide di acquistare una scopa elettrica, occorre però avere le idee chiare per non dare vita ad una scelta tale da rivelarsi impropria rispetto alle esigenze di partenza. Il modo migliore per riuscire a dotarsi di un modello in grado di ripagare l’investimento è senz’altro l’assunzione del maggior numero di informazioni possibile, magari facendo leva sul web. Proprio su Internet, infatti, sono presenti moltissimi siti online incentrati su questo particolare comparto, tra i quali sceltascopaelettrica.it, punto di riferimento per un numero sempre maggiore di consumatori. Il sito è infatti in grado di informare su aspetti tecnici e funzionali che possono infine condurre ad un acquisto tale da ripagare lo sforzo finanziario.

Meglio con sacchetto o senza?

Una delle domande che ci si pone di fronte al catalogo di scope elettriche proposto dalle imprese del settore è la seguente: meglio dotarsi di un modello con sacchetto o senza?
Si tratta di una domanda secca, cui però occorre dare una risposta articolata. La scopa elettrica con sacchetto è infatti estremamente comoda da adoperare, proprio perché la sostituzione del contenitore non implica contatti diretti con la polvere. Inoltre non é necessario il lavaggio del serbatoio, poiché una volta che sia pieno non resta che rimuoverlo dal suo alloggio e buttarlo nel secchio della spazzatura, provvedendo alla pulizia, lavaggio e sostituzione dei filtri. Si tratta però di una tipologia che sul lungo periodo può comportare un esborso di non poco conto e che obbliga ad acquistare i sacchetti. Va inoltre sottolineato come rinviare la sostituzione del sacchetto una volta pieno o la pulizia del filtro, può infine condurre ad un calo di potenza.
La scopa elettrica senza sacchetto, non prevede invece alcun sacchetto di ricambio eliminando in partenza le spese aggiuntive di manutenzione. Una volta che il contenitore in cui si deposita lo sporco sia pieno, lo si elimina dalla scopa al fine di svuotarlo. L’operazione dura pochi minuti, ma comporta anche il contatto con la polvere, eventualità che spinge gli allergologi a consigliare di non ricorrervi a chi soffra di problemi dell’apparato respiratorio.